WeCreativez WhatsApp Support
Il nostro Team di supporto è a tua disposizione. Chatta con noi su Whatsapp.
Salve, come posso aiutarti?

L’evoluzione cromatica nello stile

La moda del colore negli ultimi decenni

L’evoluzione cromatica nello stile

Le tendenze della moda cambiano a ritmo frenetico. Non solo abiti e accessori, ma anche i colori giocano un ruolo fondamentale nel dettare lo stile del momento. Che si tratti di un capo d’abbigliamento, di un complemento d’arredo o di un semplice accessorio, la scelta del colore giusto può caratterizzare un’epoca o un momento storico.

Ma è vero anche l’opposto: le vicende storiche e i cambiamenti sociali condizionano il mood della società e i colori riescono a tradurre visivamente il “sentire comune” di un periodo o addirittura di un’epoca intera. Storia e costume si inseguono e si influenzano a vicenda e in tempi recenti la nostra società, fortemente condizionata dall’immagine, subisce anche l’influenza dei designer e degli stilisti che creano nuove collezioni con palette cromatiche che riflettono le loro ispirazioni e la loro visione del mondo. Questo effetto è amplificato dalle riviste di moda, i social media e le celebrità creando un effetto domino che porta all’adozione di massa di uno o più colori in un determinato periodo.

Dai Ruggenti Anni Venti al secondo conflitto mondiale

L’età del jazz e dell’Art Déco si apre con una raffinata semplicità cromatica. I toni neutri e pacati come il grigio perla, il beige e il marrone cioccolato dominano la scena, mentre accenti di oro e argento aggiungono un tocco di lusso e glamour. Per contro, le istanze femministe delle flappers si esprimono con colori decisi: rosso, verde smeraldo, giallo, turchese e blu cobalto.

Negli anni ‘30 la Grande Depressione colpisce duramente il mondo, ma la nostalgia per un passato più spensierato si traduce in una palette di colori caldi e avvolgenti. Il rosa antico, il verde bosco e il blu navy diventano i protagonisti, mentre lampi di rosso e giallo simboleggiano la speranza e la voglia di riscatto.

Agli inizi degli anni ‘40, con lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, i colori assumono una valenza simbolica ancora più forte. Il rosso, il bianco e il blu, colori nazionali di molte potenze, diventano icone di patriottismo e speranza. Accanto a queste tonalità primarie, emergono anche il khaki e il verde oliva, che richiamano l’uniforme militare e l’impegno bellico.

Dal dopoguerra alla controcultura

Negli anni ‘50 i pionieri della moda impongono i loro diktat e con loro anche la palette cromatica: il rosa pastello e turchese diventano simbolo di femminilità, romanticismo e grazia, ispirati all’eleganza delle pin-up e al sogno americano, sfumature delicate e sognanti per lasciarsi definitivamente alle spalle l’orrore della guerra.

Sono gli anni che preparano al boom economico degli anni ‘60 che vedono il violetto, arancione e verde lime protagonisti, colori vivaci e psichedelici che rappresentavano la ribellione, la sperimentazione e il cambiamento sociale, in linea con i movimenti giovanili dell’epoca. Sono gli anni del “flower power” e della rivoluzione sessuale e sociale. A questi colori, fanno da contraltare il bianco e nero dello stile optical, che accentuano le illusioni ottiche create dai motivi geometrici.

Con gli anni ‘70 le sfumature del marrone, arancio bruciato e giallo ocra segnano, con tonalità calde e terrose, un ritorno alla natura, alla semplicità e all’artigianalità, come riflesso del clima di controcultura, di ritorno alle radici, dovute anche al verificarsi della prima grande crisi petrolifera.

Dai colori fluo al ritorno della sfumatura pastello

A queste sfumature si contrappongono, negli anni ‘80 i colori fluo metallizzati sgargianti del fucsia, verde lime e giallo canarino che esprimono energia, ottimismo, individualismo e voglia di divertirsi, in sintonia con la cultura pop e l’edonismo del decennio, con un forte orientamento ad un individualismo sfrenato e autocompiaciuto. Il fitness e la cultura yuppie si riflettono in una palette di colori audaci e sopra le righe.

Dopo tanto colore aggressivo, negli anni ‘90 si torna al minimalismo e all’eleganza essenziale con bianco, nero e grigio: simboli di raffinatezza, intellettualismo e indipendenza, in linea con l’austerità del periodo. Accanto a questa palette neutra, la natura e lo spirito ribelle del grunge prende i colori del verde oliva e del bordeaux, sottolineando un’estetica anti-materialista e di rifiuto delle convenzioni sociali.

L’avvento del nuovo millennio è caratterizzato da un mix eclettico di colori. Il rosa shocking, verde lime e blu elettrico si mescolano a tonalità più neutre come il beige e il khaki, creando una palette versatile e adattabile a diverse tendenze. La tecnologia digitale influenza la percezione del colore, con l’utilizzo di sfumature vibranti e irreali.

Nel corso del tempo i colori si avvicendano e si ripropongono,  con leggere varianti ed ecco che nel primo decennio del 2000 si ritorna ai rosa cipria, celeste e lilla: colori pastello, simbolo di romanticismo, leggerezza e femminilità, in contrasto con la crisi economica e la ricerca di evasione. È importante sottolineare che, con l’affermarsi della tecnologia digitale, la frontiera dell’esplorazione dei colori sarà sempre più spinta, con utilizzo di sfumature vibranti, colori irreali ed effetti inediti. Colori storici e colori “nuovi” si mescoleranno per dare vita a  combinazioni tutte da scoprire.

I servizi di Chiarotti Verniciature

Grazie alla nostra pluriennale esperienza, siamo in grado di riprodurre e applicare una vastissima gamma di sfumature cromatiche, dalle più tradizionali alle più recenti. Contattaci per chiederci consulenza o per un preventivo tramite il form sul nostro sito. https://www.chiarottiverniciature.it/contatti/

Post a comment